CONFERENZA STAMPA CON TIZIANO FERRO

23 novembre 2011, il grande giorno (per noi, per voi) è arrivato. Inizia tra pochi minuti la conferenza stampa di presentazione di “L’amore è una cosa semplice“, il nuovo album di Tiziano Ferro. Sorrisi.com seguirà insieme a voi l’evento e vi aggiornerà minuto per minuto su contenuti, dichiarazioni e informazioni per sapere tutto su questa sua nuova importante produzione discografica.

11.03

Il presidente EMI Music Italia: “Voglio trasmettervi il senso di eccitazione estrema nel lancio di quest’album . Con Michele Canova abbiamo trovato un approccio molto bello, generando entusiasmo nel lavoro di tutti. Tre anni fa ha avuto una performance incredibile, Tiziano è stato l’unico artista italiano che ha invertito il trend di mercato, vendendo ancora più di prima. Tutti i singoli dell’album hanno venduto molto, questa volta “La differenza tra me e te” ha già raggiunto il platino. È la prova di quanto piaccia. Uscirà con più di 300 mila copie distribuite, un record per questi tempi. È significativo il fatto che la strategia sia volta non tanto ad arrivare in molti paesi, ma arrivare in classifica”.

11.07

Arriva Tiziano Ferro, sorridente e rilassato:

“Sono emozionato, è il disco che sognavo di fare e aspettavo che arrivassero le canzoni adatte per poter registrare in questa maniera. Scrivevo canzoni che si potevano avvicinare a un mondo swing, bossanova. Mondi diversi, mi piaceva di dare un margine di rischio perché se c’è un privilegio è quello di poter essere ascoltato a prescindere da tante persone, costruendo amicizia e rapporti che non mi fanno sentire sotto pressione, ma piuttosto stimolato inserendo qualcosina di diverso, l’ho fatto più di altre volte”.

11.10

“Mi fa un po’ ridere che mi diano ancora del nuovo talento dopo 10 anni di carriera. Potevo fare un greatest ma avevo troppe canzoni pronte per fare un best of. Non ho fatto una raccolta, ma a livello di percorso è come se lo fosse, anche se i brani sono inediti, con gli elementi raccolti nei viaggi e nelle esperienze degli ultimi 10 anni”.

11.11

“Mi piace lanciare delle provocazioni, il titolo “L’amore è una cosa semplice” è un modo per spiegare che a volte vogliamo complicarci i sentimenti. Sembra che più si soffra più si è degni di stare al mondo. Mi sono complicato la vita per una vita sentimentale, poi ho sciolto dei nodi ed eccomi qua”.

11.13

“Il raccontare i sentimenti senza maschile e femminile è una cosa che anche in passato non ho scelto. Mi hanno fatto notare molti che uso parole neutre per raccontare i sentimenti, è un lavoro inconscio. Tutto ciò che è successo negli ultimi anni l’ho fatto rinchiudendomi in una bolla in cui ero carceriere e carcerato. Una battaglia contro la sottostima. La differenza tra me e te, parlo al maschile. Anche se parlo in modo universale, perché si parla di amore verso le radici”.

11.15

“Le canzoni sono nate da sole, come sempre. Dopo la scrittura del libro, credevo di perdere poi l’ispirazione per la scrittura musicale. L’importante è mantenere quella spontaneità e quel divertimento, l’ispirazione in questo modo arriva. Io all’inizio non ero sicurissimo di fare il passo di lavorare con nuovi musicisti, avevo timore che non potessi controllare tutto. Rilasciando la responsabilità di alcune cose, mi sono sentito più libero. Le basi le abbiamo registrate praticamente dal vivo, senza isolare gli strumenti. Un percorso meno economico ma più gratificante”.

11.18

“L’incontro con Irene Grandi è arrivato perché alcuni anni fa me l’ha presentata e non l’ho mai inserita, ma nemmeno lei. Lei un giorno mi chiese se avevo una canzone per lei e mi ricordai di quel brano. Cantare cose non tue è come stare in una recita, inventandosi un mondo emotivo per avvicinarci al canto. È stato completato. Con Nesli ho ascoltato qualcosa che parlava di me, ascoltando il disco era l’unica foto di me che mi mancava anche se non fa parte di me. Ho incontrato Nesli, ha una visione musicale molto ampia e spero scriveremo delle cose insieme perché a prescindere della scatola in cui è stato inserito, ha molto altro da dire rispetto alla musica. John Legend è arrivato dopo la masterizzazione, mi hanno chiesto se volevo incontrarlo. Mi sembrava surreale, ma era vero. L’album è nato in corsa, con collegamenti tramite Skype. È uno dei tre artisti con cui avrei voluto lavorare da sempre”.

11.25

“Trovare un equilibrio e diventare una persona più serena di prima non vuol dire diventare un deficente che ride sempre. Non bisogna cadere nell’errore di sentirsi già risolti. Quei nodi hanno fatto bene a tante zone dell’inconscio, in quell’anno sabbatico dove ho raccolto i diari e scrivere il libro. Quando sono tornato a cantare in quell’anno sabbatico, sono rimasto scioccato perché pensavo di non farcela. Con la naturopatia ho capito che la voce si modifica a seconda della condizione emotiva. È stato bello accettare una voce più greve, che ho assecondando con la logopedia, è diventato un gioco che mi aiutava a seguire il percorso dell’aria nel corpo per rilassarmi. Mi addormentavo, io che non dormo quasi mai la notte. L’influsso di questo ha prodotto tanti cambiamenti”.

11.28

“Il tour diventerà una celebrazione, festa e compleanno di questi 10 anni, visto che moltissimi dei miei brani sono già singoli”

11.29

Livenation:  ”Toccherà 12 città, stiamo studiando un riflesso internazionale. Andremo a Roma il 14 luglio allo Stadio Olimpico, dove sei stato nel 2009 nella curva, adesso sarà a platea intera. Le vendite del tour sono partite molto bene, siamo molto vicini all’annuncio di alcune altre date importanti e siamo al lavoro per la scenografia, che sarà bellissima”.

Tiziano:

“Stiamo pensando cose molto belle, con idee che portiamo avanti con un’idea divertente, vorrei quasi renderla una celebrazione, una festa dal vivo”.

12.32

“Chi ha lavorato con me non conosceva bene la mia musica e non mi poteva inquadrare per quello che è noto, con il rischio di percorrere la stessa strada. Non volevo fare un disco che incappasse nel rischio che si aspettasse da me quello che si conosce già. Chi non mi conosce aiuta questo processo. Sono un controllore vero, voglio seguire dalla grafica agli arrangiamenti, organizzazione del tour anche nei dettagli. Mi piace fare la spesa per conto mio, odio delegare. Sono una persona fortemente autonoma e mi dispiace di aver perso parte di quell’autonomia nelle piccole cose”.

11.35

“Il processo di scrittura è inconscio, non mi ci costringo mai, questo disco è nato da un’idea di fare qualcosa di totalmente swing. Sono rimasti due o tre brani da quell’idea, ma alla fine a tavolino non riesco a fare niente. Dopo questo disco, io non ho pressioni di un disco, è un ultimo disco con la EMI Music, ultimo disco sotto questa etichetta. Non ho firmato con nessun altro, nonostante le richieste e le proposte. In modo sconveniente dal punto di vista economico, dopo questo disco sono libero. Quando vorrò fare altro lo farò. Voglio chiarire che la fiducia che mi ha dato la Emi, che mi supportato senza pressioni e ricatti psicologici. Una fiducia ricambiata con il massimo dell’impegno”.

11.39

“Non è un lavoro fatto per il mercato, non riesco a fare qualcosa come scrivere una canzone swing in modo naturale. Il contrario non può avvenire se non in generi diversi, in cui mi sento già più a mio agio. Io farei un disco di collaborazioni, trovare gli artisti non è semplicissimo. La canzone con John Legend è nata scegliendo le due tre segnalate per creare una versione in duetto”.

11.42

“Quando guardo le cose del passato, mi faccio tenerezza. Le etichette dovrebbero chiuderci agli esordi per due mesi dentro una stanza per imparare tante cose come la lingua inglese, e la dizione per esempio. Quando diventi famoso a 20 anni sei adulto ma alla fine sei un coglioncello. Grazie ai viaggi ho imparato tantissime cose”.

11.44

“La musica in tv pare non funzioni, mi dicono a 10 anni. Quando parlo con chi si occupa di promozione, mi dicono sempre questa cosa. Non ho visto Fiorello, però penso che sia un segnale positivo che qualcuno riesca a sovvertire queste regole. C’è fame di musica, ma come mai poi nessuno la guarda in tv? C’è sempre nuova musica eppure… Fiorello è stato bravo perché la incastra bene con il linguaggio televisivo”

11.47

“Non faremo molta tv. Con Fiorello non ci sono programmi. Andrò sabato da Fazio per presentare l’album, ma non smanio di fare altro. Non mi piace molto fare la tv, la trasgressione è fare un passo indietro. È meglio stare zitti che sovraesporre ogni cosa. Sono contento del mio senso della misura, sarà un atto di stupidità non approfittare. Ci andrò ma non è nelle mie priorità”.

11.49

“R.Kelly e Kanye West sono altri due nomi con cui avrei collaborato, ma se avessi potuto scegliere lo avrei fatto con Amy Winehouse. Io amo le raccolte, quando non avevo tantissimi soldi mi piaceva avere le raccolte di chi non ero fan. Mi piacciono molto le raccolte ricantate e i live, tranne poche eccezioni”.

11.51

“I reality sono i reality. Poi dopo i reality li ramazzerei senza telecamere, cosa è successa a me con il marito di Mara Maionchi. Senza telecamere le mazzate fanno più male perché non ho la consolazione del televoto. Sulla mia mania di controllo, il contentino arriva nella libertà di scrivere spontaneamente. Per questo percorso potremmo chiederlo alla mia analista che mi costa 80 euro all’ora”.

11.54

“Il discorso dell’omosessualità non mi aiutato molto in questo processo di crescita e di ricerca di equilibrio, una difficoltà nel non sentirsi da meno. Non è mai stato un discorso di vergogna”.

11.56

“Negli anni sono riuscito a capire cose della mia voce che non conoscevo. Ho avuto un micro trauma quando cantavo nel coro gospel. Quando vivi in una realtà di provincia, capita che la mentalità ti porti ad andare sempre in alto. La mia voce crescendo andava sempre più verso il basso. Nel tempo mi sono preoccupato perché non mi riconoscevo più. È stato utile vedere i ragazzi che cominciavano a imitarmi, vedere loro che volevano sembrare me mi ha fatto vedere tutte le sovrastutture che mettevo tra me e la mia voce. Mi sono guardato e mi sono detto: ma io faccio così? E mi sono imposte una riflessione”.

11.59

“C’è una cantante grande sta per tornare e ho fatto una canzone per lei che mi piacerà. È del nord est Italia e non è Elisa”.

12.00

Tiziano Ferro saluta i giornalisti e lascia la sala. Grazie per aver partecipato alla nostra diretta web.

ANTEPRIMA RDS: TIZIANO FERRO

L’amore raccontato con ottimismo, il vero amore che migliora la vita, questo è l’ultimo album di Tiziano Ferro!

Il 28 Novembre esce “L’amore è una cosa semplice” il quinto disco di Tiziano Ferro che in 10 anni e 4 album ha conquistato il mondo con il suo inconfondibile stile!
Questo nuovo album è stato registrato a Los Angeles presso i mitici Henson Studios, prima volta assoluta per l’artista, e vanta la collaborazione di musicisti del calibro di Mike Landau alla chitarra, Vinnie Colaiuta alla batteria e Reggie Hamilton al basso.

L’album è tutto suonato e registrato dal vivo, comprende 14 canzoni d’autore, un autore giovane, dotato di una sensibilità e di una voce fuori dal comune, che lo raccontano oggi, 31 anni compiuti e un nuovo capitolo della sua vita.

Ascolta RDS dal 24 al 27 novembre, durante gli spazi “Anteprima RDS”, quando il conduttore inviterà a giocare manda subito un sms con scritto “TIZIANO FERRO” al numero 392.999.2000 (il costo varia in funzione del gestore telefonico) potrai essere uno dei fortunati ascoltatori che vincerà l’imperdibile CD “L’amore è una cosa semplice”!

 

 

Tiziano Ferro primo da cinque settimane, sale la Winehouse, Mengoni ignorato dai grandi network

Prosegue il dominio di Tiziano Ferro in radio. Mentre cresce l’attesa per l’uscita dell’album «L’amore è una cosa semplice» (28 novembre), che domani sarà presentato ai soci del suo fan club (Latina, Teatro G. D’Annunzio), «La differenza tra me e te» resta al primo posto della classifica di EarOne.

Sulle 98 emittenti rilevate, negli ultimi sette giorni il brano è stato passato 1.772 volte. Si è però ridotto il distacco dalla seconda classificata, «Brucerò per te» dei Negrita (in salita dal 4°), che ha totalizzato 1.542 passaggi.

Stabili al terzo posto i Coldplay con «Paradise» mentre risale al 4° «Someone Like You» di Adele. La Top 10 prosegue con «La notte dei desideri» di Jovanotti (5°, era 3°) e la scozzese Emeli Sandè («Heaven», stabile al 6°).

In ascesa, David Guetta con «Without You» (feat. Usher, 7°) e Giorgia («È l’amore che conta», 8°, era 10°). Perde due posti «If I Had A Gun» (9°) dei Noel Gallagher’s Flying Birds, che si piazza davanti a «Our Day Will Come» di Amy Winehouse, che entra nella Top 10 dopo aver debuttato al 21° la scorsa settimana.

Fuori dalla Top 10, tra i brani in ascesa segnaliamo «Push» di Lenny Kravitz (dal 16° all’11°) e «Love On Top» di Beyoncè (dal 23° al 18°). La più alta nuova entrata della settimana è «Non ho mai smesso» di Laura Pausini, secondo singolo tratto dall’album «Inedito».

Scorrendo la classifica, il primo singolo di un cantante uscito dai talent è «Tra passione e lacrime» di Emma (38°, in salita dal 42°), che precede «E’ vero che vuoi restare» diAlessandra Amoroso (39°, era 44°). Per trovare Marco Mengoni, invece, bisogna scendere fino al 74°. La sua «Tanto il resto cambia», secondo singolo da «Solo 2.0», continua a essere ignorata da tutti i grandi network fatta eccezione per Radio Italia SMI.

 

 

Scala & Kolacny Brothers cantano “Sere Nere”

Arrivano dal Belgio e lanciati dal film campione di incassi “The social network” (grazie alla lora rivisitazione di “Creep” dei Radiohead) arrivano in Italia Scala & Kolacny Brothers, un coro di 200 voci femminili diretto e accompagnato dai musicisti classici e fratelli Stijn e Steven Kolacny. In anteprima esclusiva a Tgcom la speciale versione di “Sere Nere“, successo di Tiziano Ferro.

La svolta è arrivata quando nel 2010 la loro straordinaria versione di “Creep” dei Radiohead è stata scelta, direttamente da David Fincher, come colonna sonora del trailer mondiale del pluripremiato film campione di incassi “The Social Network”. Proprio come il film, il trailer ha avuto un successo clamoroso, più di 250 milioni di persone l’hanno visto in teatro, in tv e sul Web. Grazie anche all’eco scatenatosi sui social media, la loro interpretazione di “Creep” è stata un vero e proprio happening per il mondo Web, vista in varie forme più di 25 milioni di volte. Lo stesso Thom Yorke ha dichiarato che l’unica cover dei Radiohead che abbia mai apprezzato è stata quella di Scala.Nel giro di un anno Scala & Kolacny Brothers sono diventati un fenomeno senza precedenti: oltre 2 milioni di copie vendute, oltre 200 date sold out in tutto il mondo, milioni di views su Youtube.

Ora l’album di questa rivelazione musicale arriva anche in Italia. Il 22 novembre (su etichetta e distribuzione Carosello Records e in vendita digitalmente) uscirà un’inedita versione del disco omonimo solo per il mercato italiano ad un prezzo speciale: un doppio cd che conterrà il meglio del repertorio di Scala & Kolacny Brothers più 4 bonus track, tra cui 2 tracce in italiano inedite (“Sere Nere” di Tiziano Ferro e “Non mi va” di Vasco Rossi).

Scala & Kolacny Brothers esistono già da qualche anno come coro classico, ma è con la svolta rock che arriva il successo: prima che Hollywood li chiamasse, la loro musica aveva già iniziato ad insinuarsi nelle tv inglesi ed americane. La loro versione di “Every Breath You Take” dei Police, è stata utilizzata da ITV per lo spot della prima stagione della serie inglese Downtown Abbey, da qualche settimana il trailer della seconda serie ha come colonna sonora la loro “With or without you”; mentre negli States una delle loro composizioni originali è stata usata nella serie Sons of Anarchy di FX. Le location dei concerti sono le più svariate, dalle chiese alle venue rock per 2.000 persone fino a performance in grossi festival musicali (tra cui SXSW di Austin e Coachella in California). Hanno suonato davanti a 50.000 persone in Germania e 40.000 l’anno scorso in Quebec, Russia e Giappone.

Laura, Tiziano e gli altri: guida alle novità musicali dell’autunno – Tiziano Ferro (TV sorrisi e canzoni)

Un articolo di “TV sorrisi e canzoni” tra le novita musicali autunno parla anche di Tiziano Ferro e il suo nuovo album.

Ecco ciò che è stato scritto nell’articolo riguardo Tiziano:

Per il cantautore di Latina, a novembre è prevista la pubblicazione del suo quinto album di inediti. È fuori dalle scene da maggio del 2010, ovvero dalla conclusione del tour «Alla mia età». Dopo i festeggiamenti per il decennale dall’esordio con il singolo «Xdono», Tiziano sta registrando le nuove tracce tra Los Angeles e Milano. Una produzione discografica che sarà di vera svolta dopo il suo coming out nell’ottobre del 2010, quando ha rivelato la sua omosessualità nel libro «Trent’anni e una chiacchierata con papà».

Per vedere l’intero articolo con tutte le novita musicali d’autunno cliccate sull’immagine sottostante

LAURA,TIZIANO E GLI ALTRI: GUIDA ALLE NOVITA’ MUSICALI DELL’AUTUNNO

Tiziano Ferro,album e poi tour 2012

Ecco ciò che è stato pubblicato sul sito del corriere della sera:

(ANSA) – ROMA – Sara’ Live Nation Italia a curare l’organizzazione e la produzione del prossimo tour di Tiziano Ferro, previsto per la primavera del 2012, che seguira’ la pubblicazione del suo nuovo album. Il nuovo lavoro sara’ nei negozi a novembre 2011. Il tour 2012 tocchera’ le piu’ importanti citta’ italiane, per poi portare Tiziano Ferro nei principali paesi europei, negli Stati Uniti, Messico e Sud America, dove l’artista gode di una eccezionale popolarita’.